…Ancora sul Google Voip e centralini connessi

Notizia di qualche giorno fa: Google acquisisce Global IP Sound (GIPS).

Dopo Google Voice e Gizmo Project ,il colosso sembra fare un altro passo per il mercato  delle chiamate Voip ,dopo indiscrezioni su possibili partnership per la vendita di centralini Voip ad aziende.

Grazie a GIPS,Google potrà fornire numeri Voip virtuali ,clienti di Instant Messenger e sopratutto servizi per le videochiamate ad alta qualità; molti esperti del settore dicono che l’acquisizione appena fatta,sia un passo per cercare di monopolizzare il mercato Voip: pian piano Il Motorone diventerà come Microsoft?

Vedremo…

Annunci

Centralini Voip: boom di domande

Molti di voi, probabilmente a casa, avranno già sperimentato la “telefonata via internet”, utilizzando i più conosciuti software che permettono di fareuna telefonata vocaleda computer a PC, come anche ai numeri di telefonia fissa e cellulari.

La tecnologia è quindi notevolmente usata, secondo le indagini, e da qualche anno è entrata non solo nelle nostre case, quindi per uso personale, ma anche nelle aziende.

Se infatti comunicare tramite il protocollo IP, ovvero attraverso connessione internet, non è una cosa nuova, l’innovazione è che questo permette all’azienda di risparmiare sul conto telefonico, facendo crollare  i costi telefonici anche fino al 40%.

Il centralino VoIP non propone soltanto una telefonia a basso costo, ma riesce a fornire alle imprese diversi vantaggi, che permettono di migliorare l’operatività aziendale: un centralino VoIP, infatti, permette di amministrare tutte le chiamate esterne ed interne, avendo funzioni appunto da server su cui installare il software gestionale.

Per fare un esempio di quanto ci si stia dirigendo verso tale settore basta scorrere i recenti dati dell’inchiesta della società di ricerche Frost & Sullivan, secondo cui il VoIP in futuro genererà ben 29,57 miliardi di dollari, il tutto entro il 2015.

Servizi Voip: Google parte all’attacco

È di questi giorni la notizia, riportata dalla rivista telematica TechCrunch, secondo la quale Google starebbe testando il proprio sistema VoIP, un’integrazione fra le tecnologie Gizmo5 in diretta concorrenza con il VoIP di Skype.

Di certo c’è che il colosso a novembre aveva acquistato Gizmo5, un provider VoIP diretto concorrente di Skype, e che abbia iniziato a lavorare sui punti deboli che il servizio aveva, come ad esempio la necessità di assegnare un numero di telefono già esistente per far funzionare il voip.

I nuovi servizi voip di Google, che permetteranno di assegnare agli utenti un numero unico verso cui indirizzare tutte le proprie chiamate, permetterà le chiamate internazionali a bassi costi e l’invio di SMS gratuiti.

Il vero vantaggio è negli Stati Uniti e Canada, dove le chiamate sono gratuite, mentre le  chiamate internazionali sono a pagamento, ma di certo molto meno costose di quelle di telefonia tradizionale.

TechCrunch non riporta una data di uscita, ma dice che il client è in fase di test interno a Google che potrebbe presto divulgarlo.

Software Vocale…

Uno degli scopi fondamentali della tecnologia è quello di agevolare e semplificare le interazioni fra computer e uomo, e quindi fra azienda e cliente.

Questa motivazione giustifica quindi lo sviluppo dei software vocali che permettono, soltanto grazie all’utilizzo di un normale telefono, l’accesso ai propri dati, alla casella di posta elettronica, o ci permette di richiedere informazioni, fare acquisti, semplicemente dialogando con un operatore automatico ed usando un linguaggio naturale.

Differenti sono gli stadi che si interpongono nella comunicazione tra l’utente che telefona e l’applicazione web, come il riconoscimento vocale (ASR), la verifica sintattica del linguaggio (utilizzo di grammatiche) e la comprensione semantica (sempre attraverso le grammatiche).

Catalogato il messaggio, le informazioni vengono trasposte o come messaggio vocale registrato o come messaggio testuale.

Questa tecnologia è anche utilizzata all’interno delle aziende, ad esempio per la gestione degli ordini, poiché permettono agli addetti del magazzino, ad esempio, di poter avere occhi e mani libere mentre gestisce i prodotti, riducendo di molto il margine di errore durante la preparazione degli ordini, permettendo quindi di migliorare anche la soddisfazione dei clienti, oltre che di ottimizzare il lavoro di magazzino, combinando l’applicazione vocale con tecnologie come i codici a barre o sistemi RFID, l’identificazione a radio frequenza utilizzata per la identificazione automatica di oggetti, animali o persone.

Skype amplia il mercato dei Software pbx

La comunicazione è in continua evoluzione, e lo dimostrano non solo i diversi software che spesso  vengono lanciati sul mercato, ma anche dall’uso che le grandi aziende ne fanno, investendo sulle ultime novità.

Fra queste Skype che, nei giorni scorsi, ha infatti annunciato un ampliamento del programma beta di Skype for SIP per permettere alle imprese di qualsiasi dimensione l’utilizzo con i sistemi di Unified Communications (UC) o PBX basati su SIP di cui già dispongono.

Anche il colosso Skype amplia quindi la sua offerta sul fronte dei software pbx, permettendo alle imprese di usufruire di un potente mezzo per la comunicazione. L’accesso è molto semplice: per permettere a Skype for SIP di operare con i sistemi di comunicazione SIP già presenti in azienda, il responsabile IT dovrà solamente creare e registrare uno Skype Business Control Panel (BCP) e seguirne le istruzioni di configurazione

Uno dei primi commenti viene dall’azienda californiana Maxim Integrated Products, che ha puntato sul software PBX e Skype Sip per risparmiare sui costi e lavorare in maniera più efficace e semplice: Maxim, secondo i dati, ha reso disponibile il software a 2 mila dipendenti in 70 sedi in tutto il mondo, integrando l’infrastruttura PBX già esistente risparmiando così centinaia di migliaia di dollari sulle telefonate in teleselezione.

Tutto questo grazie alla tecnologia basata su IP (Internet Protocol) che realizza una connessione fra gli apparati telefonici, permettendo di usufruire di diversi servizi come il vivavoce, citofono interno, identificazione e deviazione chiamate.

Google diventerà il più grande Centralino Voip esistente?

Il futuro della comunicazione è in rete,come avevamo già scritto.

Google, il più importante motore di ricerca, che in questi anni ha puntato sempre sull’innovazione, precorrendo i tempi, il prossimo anno punta sul VOIP.

Si ipotizza, infatti che nel 2010 Google avvii il voice, anche se molti affermano che Google non riuscirà ad entrare nel mercato della telefonia e quindi non competerà con tutti i produttori di cellulari. Lo stesso Andy Rubin ride quando gli chiedono se stiano ideando un cellulare per il Voip, ma, come si sa, i grandi produttori spesso negano per poi finire a lanciare il prodotto.

Una delle limitazioni, soprattutto qui in Italia, sarà quella della connessione, limitazione che cesserà di esistere se – anche se sembra un futuro lontano – verrà adottata la tecnologia Wi-Max.

Praticamente è come se Google stesso diventasse un’enorme centralino Voip, ve lo immaginate i vantaggi?

Il Voip di Goggle metterà  a disposizione degli utenti un’unica numerazione telefonica, che farà  le veci di un “centralino”, numero svincolato da qualsiasi altra piattaforma, pensato appositamente per seguire l’utente anche quando dovesse cambiare lavoro o residenza.

Tra le caratteristiche messe a disposizione vi sono quasi tutte quelle di un normalissimo gprs, come la possibilità di inoltrare le chiamate verso uno o più  numeri telefonici oppure direttamente alla segreteria.

D’altronde il Voip è conosciuto proprio per la versitilità e delle molte possibilità che offre quasi a costo zero. Per il momento il servizio non è disponibile in Italia, ma esclusivamente negli Stati Uniti: al momento, infatti, solo alcuni utenti “prescelti” sono stati invitati a partecipare a questo esperimento.

Aspetteremo con ansia l’introduzione in Italia.

Sempre più importante il Software telemarketing !

L’automatizzazione sembra essere la miglior risposta delle aziende ad un mercato sempre più rapido ed esigente,oltre che in crisi, si vede quindi una sistematica soppressione di tutti quei processi manuali e ripetitivi, che intaccano in maggior misura il costo e la produttività.

Indubbiamente il miglior rapporto costi/benefici, si ha applicando tale principio al settore della ricerca di nuovi clienti e contatti e alla gestione dei loro dati.

Cresce quindi in sempre più realtà  aziendali, stando a recenti indagini di mercato, l’adozione di sistemi di Gestione delle Relazioni con il cliente, ovvero i Customer Relationship Management (CRM). Veri e propri strumenti operativi e di supporto alla creazione e alla gestione di nuovi contatti, piuttosto che alla gestione di campagne informative o di vendita, o delle offerte promozionali, gestione delle mailing listi, degli eventi, dei servizi post vendita e chi più ne ha più ne mett

Quindi, sotto una prospettiva di gestione CRM, i migliori strumenti di ausilio per le aziende sono i Software di Telemarketing; programmi strutturati che raccolgono i dati, permettono una rapida ricerca delle informazioni desiderate, ottimizzano i processi interni e permettono analisi in tempo reale sullo svolgimento della campagna.

Un importante aspetto è la Gestione del Personale, infatti questi software permettono di tracciare tutte le persone passate dall’agenzia (operatori, agenti, segnalatori) e memorizzarne i rapporti e le prestazioni avute.

Ma il nucleo centrale di un software di telemarketing è la Gestione della Campagna, cioè la gestione delle liste di nominativi e le modalità di contatto che si sceglierà di applicare; i programmi permettono l’invio automatico dal server di fax, e-mail e documenti.

Inoltre è possibile pilotare le telefonate del telemarketing, mediante indicazione dei nomi da contattare e sfruttare funzioni come la composizione automatica dei numeri telefonici, la gestione delle fasce orarie in cui effettuare le chiamate o la gestione della reperibilità.

Infine, l’elevata compatibilità a capacità di integrazione  di questi programmi con altri applicativi aziendali, li rende lo strumento indispensabile per chi ha il desiderio di aumentare considerevolmente l’efficienza delle proprie opportunità di business.